Ti ricordi?

Standard

C’è un’altra cosa che mi piace dell’inverno in campagna: il cielo di notte. Quello limpido, senza Luna.
Da qua si vedono così tante stelle che sembra di stare al polo nord.
Quando rientro dopo una serata guardo sempre su, incantato da quel tappeto luminoso, così a fuoco che sembra di poterlo toccare.
Un po’ come guardare nei tuoi occhi. Tanto fondi che credevo di poterci nuotare dentro.

Lo so, lo so. Stai già alzando gli occhi al cielo anche tu con queste smancerie. Non sei tanto il tipo. Anche se quando ti dicevo che eri bella tu arrossivi e mi dicevi di smetterla, che altrimenti ci avresti creduto. In fondo lo sai bene, lo vedi tra la gente che si volta a guardarti mentre cammini.

Dimmi una cosa, ti ricordi il nostro primo incontro? Te l’ho già chiesto alcune volte e la tua prima risposta è sempre stata «Accidenti quante zanzare!» E anche «E che schifo tutto quell’Autan sulla pelle!»
Aspetta, ricordo anche altro. Una volta mi hai detto che avevi commentato con Maria le mie gambe, dicendo che ho dei bei polpacci. Strano per un uomo riceve apprezzamenti sulle proprie gambe.
Ricordi altro di quella sera? Io ricordo tutto…

3 pensieri su “Ti ricordi?

  1. Tu racconti la tua storia, Liarman che io vedo come la possibilità unica per Giulia di guardare nel tuo cuore con l’unico filtro dato dalle tue parole.. Io continuo ad emozionarmi conservando tra di esse le immagini più belle e che sento vicine…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...