Mai stato

Standard

Ciao,
Spenderò solo poche righe, queste poche righe per dirti che tutto quello che mi hai detto, tutti i sentimenti provati sono stati ricambiati e lo saranno sempre…
Certe fortune nella vita non vanno dimenticate… Sei riuscito a strapparmi sorrisi… A farmi piangere dopo il primo bacio… E a sapermi sopportare con i miei sbalzi d’umore!
Tu eri lì, il destino ha voluto farci incontrare! Adesso rimarrà dentro di noi quella sensazione che difficilmente si sente e che solo tu hai avuto il coraggio di associare ad una semplice parola: AMORE.
Io sono un po’ meno coraggiosa di te ma non cancellarmi, fai solo addormentare questo sogno che abbiamo vissuto e risveglialo quando ti sentirai solo, quando avrai bisogno di sorridere.
Sembro molto forte, ma per adesso sono come vetro e devo cercare di non rompermi.
Condividiamo un segreto, questo segreto siamo noi. Portami con cura così magari mi sentirò meno sola quando ti penserò. Ti augurerò e regalerò piccoli gesti quotidiani.
Forse un giorno condivideremo la parola Noi o forse ci toccherà gioire solo delle nostre vite e di quello che siamo riusciti a costruire.
Sei unico!
Giulia

No. Questo non è il bel finale strappa lacrime che ci saremmo potuti dare.
Era il ventidue ottobre quando mi hai scritto questa lettera, dopo uno dei nostri numerosi addii.

Oggi mi sento sazio di uno strano senso di conclusione, a volte credo quasi di stare già bene, di sentirmi sereno per qualche istante.
Tra poco partirai e non ci rivedremo più. Dopo il nostro incontro dell’altra sera hai lasciato la compagnia. Dici che non vuoi più uscire con noi, che non vuoi vedermi, non vuoi sapere come sto, cosa faccio. Che non mi vuoi nella tua vita perché hai capito che avevo ragione quando ti dicevo che non saremmo potuti essere amici spingendo semplicemente un pulsante.
Non lo siamo mai stati nemmeno la prima sera. Eravamo così, due calamite nello spazio, due braccia a testa per stringersi il più forte possibile.
Ci siamo scambiati sangue e anime come se in passato fossimo appartenuti allo stesso corpo e poi separati.
Altro che amicizia.

Dopo questo mese di silenzi, durante il quale vi siete scambiati le promesse e sei ricomparsa con un anello al dito, resterà solo questa storia, rovesciata tra le pagine come l’acqua di un temporale estivo. Uno di quelli corti, violenti. Capace di distruggere tutto in pochi minuti e poi sparire.

Mi hai dedicato una poesia una volta.
Resterà questo amaro di te, un senso di incompiuto, di mai stato.

“C’era una stella sola e limpida nel cielo color di rose, un battello lanciò un addio sconsolato, e sentii in gola il nodo gordiano di tutti gli amori che avrebbero potuto essere e non erano stati.”

Gabriel García Márquez

2 pensieri su “Mai stato

  1. altamarea14

    Oggi mi sono ritagliata un po’ di tempo per leggere tutto il tuo blog. Dal primo all’ultimo post come ho capito che meritava fin dalla prima volta che sono capitata qui. In ogni post c’è un po’ di tutti noi e di tutte le storie che abbiamo vissuto, intere o per metà, e di quelle che avremmo voluto vivere ed è per questo motivo che ti seguiamo in tanti. Scrivi davvero bene e in ogni parola c’è quell’amore che provi e hai trasmesso anche a lei. Non so se questo è davvero un punto e una fine per questa storia ma mi auguro che continuerai a condividere qualcosa di tuo con tutti noi perchè, in fondo, è anche un po’ nostro. Un abbraccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...